Accedi

Ho dimenticato la password

Ottobre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Acquisto Viagra. viagra generico affitto
Gio Ago 04, 2011 5:22 pm Da Ospite

» Acquistare Viagra. compare viagra generico levitra
Gio Ago 04, 2011 2:20 pm Da Ospite

» Acquista Viagra. componente viagra generico
Gio Ago 04, 2011 6:09 am Da Ospite

» online casino games gambling
Gio Ago 04, 2011 4:13 am Da Ospite

» fish body oil benefits
Mer Ago 03, 2011 12:35 pm Da Ospite

» Metformin, such beginning plant-derived
Mer Ago 03, 2011 9:57 am Da Ospite

» This solved my big problem
Mer Ago 03, 2011 7:39 am Da Ospite

» ãèíåêîëîãè÷åñêèå ïðåïàðàòû
Mar Ago 02, 2011 12:31 am Da Ospite

» Almost as cut-price as warez
Lun Ago 01, 2011 8:49 pm Da Ospite


In riferimento al post Risposta al Dott.Astuti da parte dell'Enpa di Pavia

 :: Animali

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

In riferimento al post Risposta al Dott.Astuti da parte dell'Enpa di Pavia

Messaggio  Admin il Dom Ago 03, 2008 1:43 pm

In riferimento al post sul Blog "Risposta al Dott.Asuti da parte dell'Enpa di Pavia" continuano a essere postati commenti con riferimenti personali, esulando dalla natura del semplice commento e dando spazio a un seguito di disussione.
Per questo motivo si è deciso di spostare il confronto nel forum, riproponendo integralmente l'ultimo commento postato.
Per cui si prega per chi voglia ancora intervenire di fare riferimento a questo spazio, grazie.

venerdì, 01 agosto, 2008
Anonimo ha detto...
Buongiorno Lorena, sono valeria, e tengo anch'io a precisare quanto segue:non ero mai stata alla pandina prima di gigio. che non è mai stato un'altro,ma sempre e solo lui. sono stata io a dire che avrei sottoscritto una dichiarazione - di mio pugno ovviamente- cosa che di fatto, ho fatto. Ci sono documenti scritti (di mio pugno) a confermare questo, non semplici parole come le sue delle quali immagino lei si voglia assumere la piena responsabilità. tutti i cani da me adottati e ceduti sono regolarmente registrati ai leggitimi proprietari e la loro reperibilità, in qualsiasi momento e per chiunque voglia accertarsene, è assolutamente alla luce del sole(gigio compreso, di cui ho fatto avere, per correttezza e di mia spontanea volontà- visto che non sarebbe stato mio obbligo- copia del modulo di affido alla asl di pavia, con tutti i dati relativi alla famiglia adottante). Mi auguro pertanto lei voglia assumersi anche la responsabilità riguardo all'illazione sulla data di adozione di gigio e l'adozione in germania. sorvolo sul fatto che a me personalmente un allarme mi fa scattare e correre a verificare, mentre a voi, evidentemente, non vi smuove dalla sedia. e questa è solo la conferma di quanto, come lei dice, la ricerca dei cani vi impegni. a proposito, forse lei sa dov'è finito gaio? pare ci sia sotto qualcosa di poco chiaro e sicuramente molto poco legittimo, che sì, sarebbe decisamente bene andare a verificare.
avatar
Admin
Admin
Admin

Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 02.08.08

Vedi il profilo dell'utente http://traccediverse.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

lettera astuti

Messaggio  hanuman il Dom Ago 03, 2008 3:17 pm

Non ho compreso quanto scritto da Valeria a Lorena; spero in uno scritto chiarificatore
avatar
hanuman
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

risposta ad Astuti

Messaggio  lorena d il Lun Ago 04, 2008 11:48 am

Buongiorno Valeria, sono Lorena di Pavia. Non ho alcuna difficoltà ad assumermi la responsabilità di quanto affermo e mi aspetto che gli altri facciano altrettanto. Per quanto riguarda questa adozione, il venerdì in cui lei è arrivata in canile per l'adozione di un cane sulla cui scheda era scritto "moradce", sia un avvocato Enpa, sia una veterinaria ASL le avevano detto telefonicamente che avrebbe potuto procedere SUBITO all'adozione, firmando una clausola liberatoria sul modulo di affido. L'avvocato si è detta disposta a dettargliela. Lei ha declinato gli inviti e se è andata. E' tornata il sabato successivo per l'adozione del cane chiamato Gigio, preannunciata da un fax inviato alla ASL in cui indicava sia il numero protocollo di ingresso del cane in canile (dato riportato nel sito della ASL) sia il numero di microchip (dato non indicato). Come faceva a sapere il numero di MC del cane? Alla asl mi hanno detto che questo viene comunicato solo nel momento in cui si formalizza l'affido, viceversa è un dato tutelato dal servizio veterinario. e non divulgato al pubblico. Vede, signora Valeria, noi ci siamo incontrate solo due volte, in occasione di altrettanti affidi ed in entrambi i casi lei ha sempre dichiarato che il cane lo adottava per sè. Invece non si trattava di adozioni definitve ma di affidi temporanei. Allora perchè imbastire tutte quelle storie sul fatto che avrebbero passato tutta la loro vita con lei?
Poi, cito testualmente, lei scrive "...a me personalmente un allarme mi fa scattare e correre a verificare, mentre a voi, evidentemente, non vi smuove dalla sedia...". Comodo gestire il tempo e le fatiche altrui. Lei, cara signora, come ha detto in canile, gli affidi li fa nella sua provincia per poter fare i controlli, ma non riconosce la stessa posssibilità agli altri che invece dovrebbero correre avanti e indietro per la penisola e forse anche le isole, per seguire i balletti e i trasferimenti dei cani di Pavia. Non opponga, per correttezza, il fatto che i controlli li debbono fare le altre sezioni dell'Enpa, che hanno già abbastanza da fare per loro senza essere caricati dai problemi altrui. Non sono poi tenuta a spiegare nulla a lei, ma lo faccio volentieri nel caso qualcuno volesse leggere questo scritto: io lavoro per vivere (come tutti i volontari enpa), ho una famiglia, una casa da tirare avanti, due turni al rifugio enpa e uno in ufficio enpa alla settimana, la verifica delle segnalazioni di maltrattamento (sono una guardia zoofila enpa volontaria), ho la responsabilità e la fatica di gestire una parte delle attività della sezione, la cura quotidiana, richiestaci come favore dal comune di Pavia di una colonia felina stanziata in un'area assai problematica epiù gli imprevisti e i problemi che quasi quotidianamente si presentano, come ben sa ogni volontario e gli altri volontari enpa non hanno molto più tempo di me. Forse chi non si scolla dalla sedia non siamo esattamente noi.
Preciso poi che la ripetizione "a me" e "mi" è citata testualmente dal suo scritto, prima che lei mi faccia osservare la pochezza della mia conoscenza della grammatica italiana.
"... lei sa forse dov'è finito gaio? pare ci sia sotto qualcosa di poco chiaro e sicuramente molto poco legittimo, che si, sarebbe decisamente bene andare a verificare." Da donde discende codesto suo convincimento? Il cane in questione è stato adottato, quindi dove dovrebbe essere se non a casa dell'adottante? Cosa le fa supporre che non sia lì?
Anche se credo che la cosa non la rgiuardi, visto lei ha una sua opinione, io non ho difficoltà alcuna a darle l'indirizzo della casa in cui si trova il cane, cioè casa mia, se lei mi fornirà gli indirizzi ed i relativi passaggi di proprietà dei quattro cani che lei ha adottato direttamente nei nostri canili e di quello cedutole da un'associazione pavese.
Saluti
avatar
lorena d
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

lettera astuti

Messaggio  hanuman il Lun Ago 04, 2008 3:52 pm

Sono lieto di aver cominciato a comprendere chi è Gaio e chi è Gigio e di questo devo ringraziare Lorena, non certo Valeria.
Non riesco tuttavia a comprendere le ragioni che inducono certe persone a volersi imporre in modo aggressivo pretendendo di prelevare randagi da canili senza fornire le normali necessarie garanzie sulla loro reale adozione.
Credo che sarebbe ora di finirla con tutte queste intrusioni in canili nei quali è già operante una associazione riconosciuta come prevede sia la L.R 16/06 che il suo Regolamento attuativo.
avatar
hanuman
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Risposta alla richiesta Gaiodovesei

Messaggio  Admin il Lun Ago 04, 2008 8:58 pm

A questo punto mi sembra doveroso rendere noto il testo, della risposta da parte dell'Enpa di Pavia alla richiesta Gaiodovesei.
La lettera è pubblicata sul Blog con le foto del cane sereno e felice.
Per leggerla andare al link http://traccediverse.blogspot.com/


Ultima modifica di Admin il Mar Ago 05, 2008 1:36 pm, modificato 1 volta
avatar
Admin
Admin
Admin

Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 02.08.08

Vedi il profilo dell'utente http://traccediverse.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

risposta alla richiesta gaiodovesei

Messaggio  hanuman il Mar Ago 05, 2008 10:05 am

Non so perchè, ma il lucido racconto effettuato dall'Enpa di Pavia non mi stupisce affatto. Mi pare una ennesima ripetizione di quanto è avvenuto ed avviene in decine e decine di canili italiani (e stranieri!) dai quali persone affette da strani impulsi prelevano animali per conto terzi!
Credo proprio che il vero animalismo protezionista sia defunto irrimediabilmente e che sia stato sostituito da una impresa economica dedita agli affari: peccato che gli oggetti di questi "affari" siano gli animali che, ovviamente, non hanno alcuna possibilità di difendersi e di farsi giustizia.
avatar
hanuman
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Risposta di Lorena a Valeria

Messaggio  Animaani il Mar Ago 05, 2008 2:53 pm

Coloro che hanno la coda di paglia sanno solo attaccare con calunnie e accuse senza prove, invece chi non ha nulla da nascondere è sempre chiaro e trasparente, e ha tutte le risposte per ogni domanda.
La replica di lorena a Valeria ne è la dimostrazione evidente.
avatar
Animaani
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: In riferimento al post Risposta al Dott.Astuti da parte dell'Enpa di Pavia

Messaggio  valeria il Mar Ago 05, 2008 10:11 pm

gentile Lorena, la prego di verificare bene con la vs dottoressa leonardo, la telefonata è stata registrata nel mio telefono. se vuole le cito parola per parola quello che mi è stato detto, ossia il cane è maordace ne sconsigliamo l'adozione. è stato solo quando io ho detto "a meno che io non firmi dichiarando che mi assumo completa responsablità".. silenzio... la dottoressa leonardi mi risponde (ovviamente) "beh certo in questo caso..." si sente dietro la voce del signor schiavini che urla, perché è tardi e deve andare via. Tornata a casa ho messo per iscritto quanto avevo detto (ossia che mi assumevo piena responsabilità). di questo, e delle sue affermazioni così certe, ne parli con la dottoressa leonardo, poi per cortesia lo metta per iscritto. diversamente mi vedo costretta a chiarire questo 'malinteso' fino in fondo. ho una registrazione.Esattamente come dice lei nel post riguardo a gaio, è bene prima informarsi. avere certezze. poi parlare, coi fatti. non spargere fango così, senza sapere.
è tanta la vostra premura di fare controlli che del cane da me adottato alla pandina non vi è stato da parte vostra seguito alcuno. riguardo agli altri non ho nulla da nascondere, nel momento in cui la asl mi ha chiesto dettagli sono stata pronta a fornirli. non credo dovere nulla a voi. nel commento precedente lei afferma che io mi sono recata diverse volte nel canile LA PANDINA. verifichi il registro. è fatto obbligo lasciare nome e documenti, vedrà che non è così. così come io e lei non abbiamo avuto alcun dialogo. lei del cane che io stavo prendendo in affidamento non solo non è stata in grado di darmi alcuna informazione, ma non si è nenache preoccupata di chiedermi dove sarebbe andato. e mai ho detto quanto da lei qui sopra riportato. se di suo interesse la informo comunque che a gigio è stata diagnostica un atrofia muscolare alle zampe posteriori (dovuta all'immobilità. per curiosità, questo cane di cui non conoscevate neanche il nome, quante volte lo ha portato a spasso?... non vi siete accorti di nulla?) , il tutto è ovviamente certificato.
riguardo a gaio, mi permetta di dire che è imbarazzante. questa ostinazione, questo dispetto sulla pelle di un cane (8 anni lo ha avuto sotto gli occhi e prorpio quel giorno le è venuta questa irresistibile necessità di adottarlo? dopo che lo aveva fatto qualcuno che a lei, per motivi suoi che non discuto, ci mancherebbe, non andava a genio?). Imbarazzante non tanto lei, signora tardino , ma l'ente che lei rappresenta. che con i soldi versati da chi 'vuole aiutare gli animali' probabilmente starà pagando i suoi avvocati. è vergognoso.
la prego di accertarsi riguardo alle inesattezze che ha detto sull'adozione di gigio e sul mio conto,e di volerle gentilmente rettificare.

la saluto.
avatar
valeria
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Dove sono tutti i cani prelevati?

Messaggio  Ganesh il Mer Ago 06, 2008 8:14 am

Valeria hai avuto da parte di Lorena risposte chiarissime e pazienti, una pazienza che personalmente avrei esaurito da tempo.

E tu insisti, eppure non hai ne tu ne nessuno di voi, risposto alla ripetuta domanda, dove ono tutti gli altri cani prelevati?????
avatar
Ganesh
Registrato
Registrato

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 06.08.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: In riferimento al post Risposta al Dott.Astuti da parte dell'Enpa di Pavia

Messaggio  valeria il Mer Ago 06, 2008 2:11 pm

caro ganesh, stia tranquillo. la asl competente sa esattamente a chi e dove sono stati affidati i cani. non riconosco in lei qualcuno a cui io debba delle spiegazioni (in un forum poi). così come non riconosco quel 'voi' a cui lei si riferisce. come ogni persona adulta e sufficientemente ragionevole, mi prendo carico e piena responsabilità solo e unicamente di quello che io stessa dico e delle mie azioni . a meno che il suo non voglia essere un plurale mai estatis.
avatar
valeria
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: In riferimento al post Risposta al Dott.Astuti da parte dell'Enpa di Pavia

Messaggio  valeria il Mer Ago 06, 2008 2:52 pm

per lorena, e concludo : altre piccole inesattezze che la prego voler rettificare. io e lei (o meglio voi, lei e sua sorella) ci siamo viste un unica volta (ossia quando ho preso gigio). Probabilmente (quando parla del nostro incontro in occasione di altre adozioni), lei si confonde. non ero io. come dicevo troverà conferma di questa mie uniche 2 visite (nella prima lei non era presente) sul registro del canile. In questa occasione, io e lei non abbiamo avuto dialogo alcuno (tolta la sua domanda riguardo al fatto che/se ero volontaria al canile del mio comune, domanda a cui ho dato tranquillamente risposta affermativa). Non ho mai parlato di adozioni fuori provincia. ovviamente questa è solo la mia parola contro la sua. ma sappiamo benissimo tutte e due che se lei dovesse affermare il contrario questo sarebbe una bugia. lei mentirebbe. e sa perché io non posso avere detto che non affidiamo cani fuori provincia? perché non è vero. Abbiamo avuto un cane che è stato (previo e post controllo) affidato nella provicnica di treviso, un'altro (richiesto da una famiglia di arenzano a cui dopo verifica - il cane sarebbe stato tenuto in un serraglio- non è stato affidato) è stato dato in adozione nella provincia di alessandria. A tutt'oggi (dopo 8 mesi dall'adozione), una nostra volontaria si reca ciclicamente a fare visita al nostro amato ice e alla sua splendida famiglia . ed altri ancora. Di questo ricordo invece chiaramente , averne parlato telefonicamente con la dottoressa Gagnone. Riguardo alla lista (nome cognome indirizzo e numero di telefono di dove sono finiti i cani da me prelevati) lo può leggere sul fax che ho inviato alla asl e di cui la vs sezione è stata messa in copia. quindi, quanto lei dice per la padrona di gaio, vale anche per lei. non è vero che non sapete dove sono finiti i cani. per saperlo, è sufficiente leggere il fax. e se un domani tra un impegno e l'altro dovesse avere modo di passare dalla riviera, sarei felice di portarla a conoscerli. uno per uno. questo invito vuole essere sincero e privo di ogni accento sarcastico o polemico. davvero mi farebbe piacere chiarire guardandoci negli occhi, dovesse questo un giorno capitare.
per quanto riguarda la sua vita, i suoi impegni, la sua casa il lavoro e la famiglia, salvo per i pensionati e i mantenuti ,credo che il suo quotidiano sia uguale a quello della maggior parte delle persone, compreso il mio. il tempo è quello che è. ognuno mette a disposizione quello che può. è proprio questo però il punto che a me sfugge. ossia, perché non permettere ad altere forze, altri volontari (e chi se ne frega dell'appartenenza dell'associazione o del credo religioso che sia. pensa che hai cani che non aspettano altro che una carezza e una passeggiata posso interessare qualcosa? loro, a differenza nostra, sanno guardare oltre) di avere accesso alla struttura? il piccolo gigio avrebbe oggi un'atrofia muscolare se invece di 2 sole volontarie ve ne fossero state 20? è questo che non capisco. sarà che da noi ogni nuova 'forza' che arriva è un dono. è un altro cane che sorride perché avrà anche lui la sua passeggiata. vede, il canile di arenzano, è un canile. nulla di straordinario. sono gabbie. un luogo di costrizione che si spera essere solo di passaggio. a differenza di un canile pavese è sicuramente piu piccolo. contiamo al massimo 30 cani (nei periodi peggiori- la media generale è di 10/15 cani). siamo una dozzina di volontari. nessuna associazione di appartenenza, età e professioni le piu disparate. dalla studentessa all'impiegata al pensionato. abbiamo la FORTUNA di essere in tanti. uniti da un semplice e pura passione. ognuno di noi può permettersi di accudire personalmente 2/3 cani. vuol dire prendersene cura. portarli fuori e fare lunghe piacevoli passeggiate (un'altra fortuna è che siamo nel bel mezzo di una campagna con boschi e sentieri), portarli a fare la toilettatura e verificare che il loro stato di salute sia a posto. se no, provvedere alle cure e alla somministrazione dei medicinali. se solo fossimo la metà di quelli che siamo, tutto questo non sarebbe possibile. un canile è un canile. non ci sono canili di prima e di seconda classe. sono comunque gabbie, dunque è costrizione. sono i volontari che fanno la differenza in un canile. è il tempo che si dedica ai cani che fa la differenza tra un cane stressato e un cane sereno. e il tempo, per tutti, è quello che è. dunque, se questa è la strada, se l'unica forza è l'unione e la collaborazione, perchè ostinarsi a non volerla percorrere?
avatar
valeria
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

moderatore on

Messaggio  Ringhio il Mer Ago 06, 2008 11:53 pm

valeria ha scritto:caro ganesh... non riconosco in lei qualcuno a cui io debba delle spiegazioni (in un forum poi).


Eh no, cara signora/signorina Valeria. Non funziona così. Se vieni in un forum (spazio gratuito di discussione) vieni per rispondere o non rispondere agli interventi, non per sederti come in casa tua e decidere di farne una tribuna personale. Men che meno per manifestare disprezzo per lo spazio di cui sei ospite e respingere con tanta arroganza gli interlocutori che hanno i tuoi stessi diritti, per sgradevoli che ti suonino i loro interventi. Questo è un forum: non ci si può parlare in due, figuriamoci se si può parlare in uno! Come diceva quel re del sublime Belli? "Io so' io e voi nun sete un cazzo". Eh già, lui del plurale maiestatis non aveva bisogno...
Ravviso in questo atteggiamento una solida prepotenza di base, resa probabilmente ancor più tetragona da una lunga pratica. Ma, come dire... Tracce diverse non è a Pavia.
Per cui, se vuoi continuare a scrivere qui, assoggettati alle regole del gioco. Se invece vuoi che ti si indichi la porta, non hai che da continuare così.
avatar
Ringhio
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 49
Data d'iscrizione : 04.08.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Valeria

Messaggio  Ospite il Gio Ago 07, 2008 11:55 am

Il moderatore Ringhio ha perfettamente ragione! L'insistenza con la quale attacchi è immotivata e, se Lorena può accertare presso la Asl (come sostieni) dove sono finiti tutti gli altri cani da te prelevati, anche tu potevi farlo con Gaio.
Come vedi io non uso il plurale majestatis.
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

rispostavaleria

Messaggio  leonarda il Gio Ago 07, 2008 12:18 pm

in merito alla segnalazione di una preteendente l'adozione di un cane ospite del camile La pandina, ritengo doveroso ricordare i semplici fatti:
a seguito di una telefonata nella quale è stata manifestata la volontà della signora di adottare un cane ritenuto mordace dalla competente ASL, ho ritenuto doverso indicare alla signora che onde eviatre danni sia al cane stesso che alle persone in qualche modo coinvolte, la necessità di sottoscrivere di suo pugno una liberatoria nella quale si assumesse tutta la resposnabilità di un'adozione di tale tipo.
a seguito di ciò la signora non ha espresso alcuna volontà precisa nè in merito allì'adozione, nè in merito all'assunzione di responsabilità circa la liberatoria.
tutto ciò per amore del vero......
avatar
leonarda
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: In riferimento al post Risposta al Dott.Astuti da parte dell'Enpa di Pavia

Messaggio  valeria il Gio Ago 07, 2008 9:31 pm

ringhio, sarai spero d'accordo con me sul fatto che non posso, per ovvi motivi, scrivere su un forum , quindi rendere pubblici,nomi cognomi indirizzi di persone . questione di privacy, oltre che di buon senso. al di la del fatto che nulla di tutto questo a te (ringhio) credo sia dovuto
avatar
valeria
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

dottoressa leonardo

Messaggio  valeria il Gio Ago 07, 2008 9:46 pm

per amore del vero, dottoressa, partiamo pure dal fatto che il cane non era e non è mai stato mordace. sempre per amore del vero , a seguito sua dissuasione citando esattamente quanto lei riporta, io ho domandato se sottoscrivendo una dichiarazione di piena responsabilità , avrei potuto procedere con l'adozione. lei mi ha risposto in questo caso sì. io non credo avervi rinunciato, visto che la dichiarazione l'ho scritta e il cane sono tornata a prenderlo. non ho potuto farlo quel pomeriggio stesso perché il signor schiavini non mi ha permesso di farlo, stava chiudendo e voleva andarsene via, inoltre l'atmosfera era decisamente poco tranquilla. così sono tornata a genova e ritornare a pavia la settimana successiva (e le assiccuro che avrei volentieri evitato questa doppia trasferta), ma questa volta con il cane.
al di la del fatto che, sempre per amor del vero, la seconda telefonata con lei è stata fatta col mio telefono e casualmente registrata, credo non abbia questa grande importanza cavillare sul chi abbia detto cosa. il cane non doveva essermi dato (ne a me ne a nessun altro) perché dichiarato mordace (confermato da lei e dalla dottoressa gagnone) - per poterlo adottare sottoscrivo una dichiarazione di responsabilità - il cane non è mordace (cosa ne sarebbe stato di questo piccoletto? mi chiedo)- la asl, successivamente , si è scusata addicendo al malinteso, che ci può anche stare (visto che ne abbiamo parlato al telefono), non trovo scuse e non esiste malinteso per il gestore del canile che mi ha personalmente (seppur per 10 secondi) accompagnata davanti al box . lui sapeva perfettamente quale fosse. non so a lei, ma a me questo preoccupa e spaventa non poco.
avatar
valeria
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

dottoressa leonardo

Messaggio  valeria il Gio Ago 07, 2008 9:57 pm

sempre per amore del vero partiamo dal fatto che il cane mordace cche per questo motivo non poteva essere adottato mordace non è e non lo è mai stato. riguardo la nostra telefonata, non vedo mi scusi perchè non avrei dovuto sottoscrivere immediatamente e portare via il cane evitando così un andirivieni di 2 viaggi. lei mi ha caldamente dissuasa dall'adozione esattamente come dice. io ho risposto che sarei stata disposta a sottoscrivere, manlevando signor schiavini asl enpa e compagnia bella da ogni responsabilità. non ho potuto farlo il pomeriggio stesso perché il signor schiavini non me lo ha permesso, doveva chiudere e mi ha mandata via. l'atmosfera non era delle più tranquille.
successivamente alla mia richiesta via fax , la asl, nella persona della signora gagnone,si è scusata adducendo al malinteso. non era quello il cane mordace. se un malinteso può esserci stato con voi , parlando al telefono, non posso in alcun modo crederlo con il signor schiavini che mi ha personalmente (seppur per 10 secondi) accompagnata davanti al box del cane.mi chiedo quindi cosa ne sarebbe stato di questo piccolo cane. non so a lei, ma a me questa cosa spaventa e preoccupa non poco.
avatar
valeria
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: In riferimento al post Risposta al Dott.Astuti da parte dell'Enpa di Pavia

Messaggio  valeria il Gio Ago 07, 2008 9:58 pm

scusate, scritto 2 volte perchè pensavo il primo non me lo avesse preso. la sostanza è la stessa.
avatar
valeria
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

adozioni di Pavia

Messaggio  Lorena il Gio Ago 07, 2008 10:11 pm

Signora Valeria, per le dichiarazioni della dottoressa Leonarda, ella risponderà in prima persona. La vet. ASL mi disse di averle detto la stessa cosa, le trasmetterò il link di questo forum cosicchè possa, qualora lo ritenga opportuno, risponderle nei tempi, nei modi e nelle forme che la sua carica pubblica le consentono. Mi sono informata e, a differenza della coprotagonista della vicenda di gaio, ho parlato con entrambe le sue interlocutrici. Per quanto riguarda lo spargere fango, mi spiace che lei si senta accusata, ma non abbia invece considerato il fango che ha gettato sull’Enpa quando ha scritto al dott. Astuti, responsabile U.O. Animale Regione Lombadia. Lei insiste che nei controlli non c’è stato seguito alcuno. Chi glielo ha detto? Noi continuiamo a seguire la sorte dei nostri cani come possiamo, ma fuori provincia. Regione o estero, dipendiamo da altri organismi che hanno già da fare per conto loro. Gli indirizzi, senza un controllo, servono a poco. Es, Gigio, come lei scrive nel sito Misha, che coincidenza! è il sito della signora che voleva Gaio, “... ha avuto un grande recinto tutto suo”. Dove? Nel suo giardino? Perché nel modulo di affido c’era il suo indirizzo o mi sbaglio? Quindi, se fossi venuta a casa sua avrei trovato il recinto e il cane? Mi è stato detto che una persona di passaggio in Liguria le ha telefonato per un controllo post affido, ma lei non era disponibile, perché al lavoro e si sarebbe liberata solo nel tardo pomeriggio e questa persona non poteva trattenersi così a lungo. Mi hanno raccontato una storia? Legittimo essere al lavoro, ma allora per i controlli come si fa? Perchè, è ovvio, non si possono concordare. Poi mi hanno detto che un cane pavese, adottato da una famiglia ligure che aveva preso un altro cane sempre pavese, era stato morso dal precedente ospite, e che questa famiglia non se la sentiva più di tenerlo e l’ha restituito. L’indirizzo per il controllo allora qual’era? Il primo no, perché era provvisorio, il secondo, no, perché poi il cane è tornato indietro, forse il terzo? Quando parliamo di affidi di cani pavesi lontano dalla loro zona di provenienza, ci vuole qualcuno che si occupi solo di questo per tenere conto dei vari trasferimenti. Non avendo un accesso diretto all’anagrafe canina e, nel caso della regione Liguria,non essendo ancora online l’anagrafe canina, le ricerche sono alquanto difficoltose e vanno fatte caso per caso senza poter avere un immediato riscontro. Ma forse la ASL di Pavia è stata informata di questi passaggi. Vede, per tornare ad un esempio che le caro, Gaio è nello stesso luogo indicato dal modulo di affido. Nei suoi affidi pavesi non è così. Inoltre lei non perde occasione per citare la mia associazione, ma della sua e di quella delle volontarie di cui parla anche nel fax al dottor Astuti del 22/04/08 non ne fa menzione o se lo fa è solo accennata. Perché? Io sono una volontaria Enpa, lei è una volontaria Man e le volontarie pavesi che fino al dicembre 2007 (a proposito di atrofia dei cani e incuria) per due anni avevano frequentato il canile La Pandina, Gaia e una volontaria di gaia poi passata, dopo la sua fondazione, all’associazione Cercapadrone. Che c’è di male? Perché rimanere con un generico” volontarie”? La sua osservazione sugli indirizzi degli affidi comunicatici da lei, mi ha portato a rispolverare due suoi vecchi fax. Che nostalgia! In quel periodo (le sue due comunicazioni sono datate 14/04/08 e 22/04/08)lei ha fatto parte della schiera di persone che settimanalmente scrivevano contro di noi alla nostra sede centrale affinchè ci chiudesse e alla Asl regionale , dottor Astuti, affinchè ci cacciasse dal canile La Pandina o comunque per lamentare la nostra scarsa preparazione e attenzione per gli animali, magnificando invece il ruolo di alcune“volontarie” non meglio precisate. Nel suo fax datato 22/04/08 lei scrive, tra le altre cose: “… mi permetto inoltre di dire: se non ci fosse stato il lavoro di alcune volontarie che si preoccupano di diffondere appelli (e che a loro spese si recano per fare i dovuti controlli), forse questi cani sarebbero tuttora a languire nel box di qualche canile.” E ancora “… pur non conoscendo la situazione … atteggiamenti come quelli del signor Schiavini non fanno che allontanare le possibilità di adozione.” Lei dice? Cosa glielo fa pensare? Al canile La Pandina sono presenti 13 cani. Al canile pavese che la sua amica disse di voler far chiudere date le condizioni e dove ci sono le “volontarie”, ci sono 67 cani a fronte di una capienza di 60. Se parla di adozioni difficili, forse dovrebbe guardare altrove.
“Pur restando fermamente d’accordo sul fatto che occorrono severi controlli riguardo al chi prende e dove porta (specifico per vostra informazione che per i controlli post adozione esiste una rete di super volontari seri affidabili sempre disponibili per i controlli …” Si fida così tanto di questa rete che lei cita due soli esempi di adozioni fuori provincia ed entrambi sotto il controllo diretto della sua associazione. Per quanto riguarda la sua affermazione sulle adozioni in provincia, è vero non lo ha detto a me,lo ha detto alla veterinari a ASL dietro sua precisa richiesta il giorno 19/04. Ricorda cosa le rispose la dottoressa? La veterinaria le rispose: “Allora Pavia cos’è? Il discount dei cani?”
Si lamenta spesso una mancata collaborazione dell’Enpa, ma collaborazione tra chi, se tutti quelli che si presentano ai canili dichiarano di adottare il cane o i cani per sé?Cosa dovremmo fare, lasciare che il controllato sia il controllore? Diverso è il discorso delle associazioni, ma queste non adottano, almeno ufficialmente.
Giova forse per i terzi, lettori di questi messaggi e non direttamente coinvolti nelle diatribe delle adozioni, sapere che nel corso dell’ultima riunione della Consulta del Volontariato di Pavia, tenutasi a giugno 2008, Enpa aveva fatto una proposta alle altre associazioni: le persone che venivano per adottare cani da fuori provincia e regione, dovevano avere un modulo di controllo preaffido firmato da un volontario su carta intestata dell’associazione di appartenenza, che garantisse la bontà dell’affido. Nel caso non fossero invece presentati da associazioni, che tale garanzia , prevista dalla legge regionale, venisse data da Enti pubblici locali preposti al controllo. Ci credereste che la proposta è stata duramente contestata e poi rifiutata?
Per tornare a noi, signora Sensini, lei poi afferma che noi non ci siamo mai parlate. In questo caso, signora, come può affermare che il cane non aveva un nome?Ci attribuisce comportamenti basati su cosa? Se io non conosco lei, lei non conosce davvero me. Per la presunta atrofia le ho già indicato a chi potrà utilmente rivolgersi, dato che un’atrofia quale quella da lei descritta non si spiega in due mesi, lasso temporale della presenza Enpa in canile ad aprile 2008. Riguardo alle offerte destinate agli animali e distolte per pagare gli avvocati per noi, lei qui DEVE spiegare come può dirlo. Afferma che ci dobbiamo vergognare. E lei? Su cosa basa la sua diffamatoria affermazione? Forse la sorprenderà sapere che ci sono avvocati che, al pari di Enpa, hanno preso a cuore la sorte dei cani pavesi e che prestano la loro opera professionale gratuitamente. E magari la sorprenderà ancora di più sapere che uno dei nostri legali era presente proprio sabato 19 aprile a La Pandina ed è stata testimone diretta delle dinamiche delle adozioni pavesi. Es., “perché chiede un cane in base al numero proto collo? Entri in canile a guardarli” “Non ho mai visto una volontaria come lei. Come si permette? Che razza di volontaria è?” E questo è stato solo l’inizio di quella giornata. L’avvocato si è fatta un’idea molto precisa ed ha rafforzato la sua volontà di aiutarci.
L’ex gaio non lo conoscevamo da 8 anni ma da quattro mesi e non è il primo cane che adottiamo in un canile. Ma abbiamo fiducia, magari ora verranno a dirci che volevano anche gli altri.
Dal sito misha: “… mi è stata impedita l’adozione … sono dovuta tornare 2 volte a Pavia per poter avere Gigio (a mie spese , ovviamente, e, gentili signore dell’Enpa, non è che uno al sabato non abbia proprio nulla di meglio da fare che prendere l’autostrada farsi un ora e mezza di macchina e scorazzare per le campagne pavesi …” Ribadisco: perché non l’ha adottato alla sua prima visita? Come potevamo ostacolarla se non eravamo in canile e lei era disposta a firmare subito una liberatoria? Perché dà a noi la colpa del suo secondo viaggio a Pavia?
I numeri di microchip come li ha avuti? Questo ritengo sia un nodo fondamentale: sono dati che vengono comunicati al momento dell’adozione: lei l’ha indicato nel suo fax del 14 aprile. Ma il cane l’ha adottato il 19 aprile. Come faceva a conoscere il numero di microchip?
Un’ultima cosa, visto che la sua affermazione è diretta a noi, magari la prossima volta mi faccia sapere dove scrive le sue osservazioni: trovo difficile dovermele andare a cercare in rete. Ci accusa di comportamenti ignobili, ci attribuisce scarsità di conoscenze e poi afferma che non ci ha mai rivolto la parola. Allora, in base a cosa scrive su di noi?
Qualunque altra cosa abbia da dirci, magari potrebbe farlo attraverso la nostra mail senza intasare questo forum che ospita entrambi.
Chiedo scusa solo agli amministratori di questo forum, per averlo intasato con le mie osservazioni.
Saluti
Lorena Tardino – Enpa di Pavia
avatar
Lorena
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

preciso

Messaggio  Lorena il Gio Ago 07, 2008 10:20 pm

Mi spiace, leggo adesso che lei, signora Sensini, dice di non aver potuto adottare il cane durante il suo primo viaggio perchè il signor Schiavini gliel'ha impedito perchè era nell'orario di chiusura del canile. In questo caso direi che la sua registrazione potrà far chiarezza. Potrebbe produrla, per favore anche a noi in copia sonora?
Saluti
Lorena Tardino
avatar
Lorena
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Per Valeria

Messaggio  Admin il Gio Ago 07, 2008 11:48 pm

Voglio rammentare a te Valeria che come ti è stato già detto, questo spazio non è casa tua, ma sei ospite in modalità gratuita.
Di conseguenza se un moderatore interviene ha tutti i dirtitti di fare gli ammonimenti che crede, e non posso ammettere un perpetuarsi di mancanza di rispetto da parte tua, ne verso i moderatori ne verso gli altri tuoi interlocutori.
Per cui, se vuoi mantenere in questo forum la tua presenza, sei pregata di moderare la tua arroganza e rispondere in modo civile.
Tieni presente che non ci saranno altri richiami.
avatar
Admin
Admin
Admin

Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 02.08.08

Vedi il profilo dell'utente http://traccediverse.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: In riferimento al post Risposta al Dott.Astuti da parte dell'Enpa di Pavia

Messaggio  valeria il Ven Ago 08, 2008 3:41 pm

non ho MAI ricevuto alcuna telefonata da parte di chichessia desiderasse fare un controllo. MAI. questa è una bugia . a meno che non si riferisca alla dottoressa asl che passava di qua (alle 3 del pomeriggio) alla quale ho detto che potevamo vederci ma doveva aspettare le 6, cioè quando uscivo dall'ufficio (che anch'io, haimè, mi tocca lavorare). ma era troppo tardi per lei.
non sono una volontaria MAN. non appartengo all'associazione. sono una volontaria e basta. non ho nulla contro enpa, tutto'ora voglio mantenere la certezza che sia un'associazione seria che merita rispetto e collaborazione. non ho detto che gigio sia atrofico per colpa di enpa. ho solo detto che lo è per via dell'immobilità. per quanto ne possiamo sapare potrebbe benissimo essere che il suo disumano, colui che lo ha abbandonato, l'abbia tenuto x anni legato in uno sgabuzzino. di fatto, a oggi, ha questo problema. sì, non abbiamo parlato, ma vi ho chiesto il nome del cane. e nessuno ha risposto, tanto che ho detto... lo chiameremo mistero.ma forse non ci siamo capite.
il fatto che non vi siate neanche avvicinate al cane, non un gesto un saluto, una cerezza, nulla. questo mi ha lasciato pensare che con lui non vi fosse stato il benchè minimo rapporto. il signor schiavini era molto sicuro dell'aggressività del cane (non mi ha permresso di appoggiare la mano alla griglia del box - non dico infilare la mano, intendiamoci, semplicemente appoggiarla piatta così che lui potesse avvicinarsi e annusarla) , urlava come un matto. parliamo di 10 kg scarsi di cane. Il figlio, quando ho chiesto se per favore poteva tirarlo fuori dal box, mi ha risposto che non poteva, che era pericoloso, avrebbe dovuto farlo col bastone di ferro, ma lui si sarebbe ribellato e probabilmente ferito. così, ovviamente, ho desistito dal vederlo fuori dal box. semplicemente mi chiedo enpa dove fosse, non in quel momento - in cui non era presente perchè immagino non possa presidiare un canile 10 ore al giorno- ma in generale, del perché questo piccoletto non fosse mai stato avvicinato da nessuno e trattato come un feroce molosso.passino i gestori... ma i volontari? tutto qui, e solo questa, la mia esperienza e il mio pensiero riguardo alla vostra opera.
Ha ricevuto un notizia corretta, due cani che dividevano il recinto insieme, affiatati e molto affezzionati l'un l'altro, sono stati adottatai insieme. proprio per non separarli. la nuova situazione, una vera casa, delle cucce calde, l'affetto continuo, ha rotto l'equilibrio tra i due, il piu giovane e dominante ha aggredito il piu anziano. non è successo nulla, ma abbiamo deciso , di comune accordo con la famiglia che inizialmente avrebbe voluto dare un'altra possibilità pur di non perdere quel cane che oramai era per loro come un figlio, che per il suo bene (12 anni affetto da filaria e con un cuore a pezzi) sarebbe stato meglio non rischiare. quindi cercare per lui una nuova sistemazione. il vecchino è stato immediatamente adottato da mio papà (che abita a 10 metri da casa mia), gode di un grande giardino e fa una serena vita da pensionato accanto a mio padre dal quale è inseparabile.
In buona fede, io credo, e con rispetto, le cose si possono tranquillamente chiarire. se il fine che ci muove a tanta passione è lo stesso, occorre solo trovare la via della collaborazione. questa è la mia unica posizione, che non riconosce simboli o associazioni, ma solo persone.
un esempio, dell'assoaciazione pavese di cui lei mi parla , io conosco solo persone. e sono persone di cui ho rispetto e stima.
riguardo a gaio, forse la stupirò col dirle che una parte di me è terribilmente felice di saperlo in una casa. la sua notizia, per me- a differenza di come era stata accolta quella di gigio- è una gioia. augurandomi che la scelta di accoglierlo sia arrivata dal desiderio di renderlo felice, e non da una sorta di gioco dal titolo "e adesso vediamo chi la vince". auguro a lui di poter essere finalmente amato , di godersi la sua meritata pensione di canetto senjor in santa pace, possibilmente lontano da queste nostre tristezze (bassezze) umane.
saluto il moderatore di questo forum, il suo poco rispetto e la sua arroganza. parlate di tracce diverse, di verità nascoste, di altre strade e prospettive, ma non sapete accettare chi la pensa diversamente da voi. non avete idea di cosa sia un confronto. siete completamente blindati. vi incoraggiate l'un l'altro sputando rabbia sugli altri. una rabbia inutile e sterile. mi auguro di non incontrarvi mai sulla mia strada.
ringrazio invece comunque lorena, per la volontà di discussione e di chiarezza che ha dimostrato in questi ultimi giorni. non importa se non siamo d'acccordo, almeno adesso c'è stata una volontà di confronto. concordo sul fatto di continuare eventualemnte un giorno il nostro chiarimento via mail o altre sedi (virtuali o non) che non siano questo blog.
avatar
valeria
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

in risposta a ultima domanda siga tardino

Messaggio  valeria il Ven Ago 08, 2008 3:51 pm

non vedo davvero perché non avrei dovuto prendere gigio quel giorno stesso, se avessi potuto, se il signor schiavini me lo avesse permesso (per altro era un venerdi pomeriggio, avevo preso mezza giornata di ferie appositamente)
è vero che tra una discussione e l'altra siamo arrivati all'orario di chiusura (e quando si dice .. e non un minuto di piu!).
nessun problema a fornire il sonoro.
ne riparleremo in privato.
saluti.
avatar
valeria
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Per Valeria, dove sono gli altri cani?

Messaggio  Ganesh il Ven Ago 08, 2008 4:11 pm

Valeria io non vedo volontà di confronto, quando da una parte ci si ostina a non voler rispondere alle domande. Ripeto, gli altri cani dove sono?
E non mi tirare fuori la privacy, in quanto sappiamo benissimo che vengono prelevati per essere trasferiti in altri rifugi o "stalli" giusto? E a dire il nome di una città non si violerebbe nessuna privacy, ma invece niente, alla stessa domanda "gli altri cani dove sono" si riceve un ostinato e irritato silenzi, per non dire una risposta arrogante.
Oppure tergiversi con migliaia di parole, ma ripeto, gli altri cani dove sono?
E non mi dire che non sei tenuta a darne conto, poichè ti rammento che sono cani appartenenti a un Comune etutelati con i soldi pubblici, per cui è diritto di ognuno sapere che fine fanno gli animali, è chiaro il concetto?
E se mi sono rivolto a te al plurale è perchè sappiamo benissimo che non sei sola, non sei sola a voler ostinatamente lanciare ipotesi calunniose su un cane felicemente adottato, non sei la sola ad aver organizzato addirittura una petizione, Gaiodovesei non so con quale diritto.
Il tuo interlocutore è stato sempre trasparente, anzi identificabile, Lorena Tardino dell'Enpa di Pavia, ma tu scusami tanto chi sei? A quale Associazione appartieni? Anzi chi siete? Oppure devo dedurre che rivelare questa informazione violi la privacy di qualcuno............
E ripeto, mi rivolgo al plurale perchè so che siete tante/i ad avere la politica di "svuotare i canili" con le apparenti "adozioni" e di usare prestanomi per trasferire i cani non so dove, e poi scrivere su qualche forum "i cani sono al sicuro".
Al sicuro da chi? Ma chi vi credete di essere?
Ora è quasi una moda arruolarsi nella schiera di volontarie, volontarie di chi e di cosa?
Tutti volontari, tutti animalisti, tutti che "prelevano" e "spostano" animali, magari senza averli nemmeno visti, anzi sicuramente, tutti eroici salvatori.
Ma per favore Valeria, certi giochi ormai sono chiari, per cui tu hai avuto pazientemente e gentilmente tutte le risposte, vuoi ora rispondere tu o preferisci dileguarti, tutti gli altri cani dove sono?????
avatar
Ganesh
Registrato
Registrato

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 06.08.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Valeria e moderatore

Messaggio  Parvati il Ven Ago 08, 2008 11:43 pm

Il moderatore ha perfettamente ragione e Valeria dimostra una arroganza inqualificabile posto che su questo forum è un'ospite e non la padrona, così come non è la padrona di rifugi convenzionati che garantiscono la presenza di volontari di associazioni come previsto dall'art. 19 della L.R.Lombardia 16/2006
avatar
Parvati
Registrato
Registrato

Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 08.08.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: In riferimento al post Risposta al Dott.Astuti da parte dell'Enpa di Pavia

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 :: Animali

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum